venerdì 25 marzo 2011

L'ordine naturale serve il disordine morale?

Tutti ripetono, da migliaia di anni, che ci sono delle costanti e che bisogna fidarsi: agire è obbedire alle leggi fisiche per poterle governare.
Ma tutte le costanti su cui facciamo leva, si trasformano in capricci sfuggenti. Se il mondo è volubile e i mezzi più affidabili si trasformano imprevedibilmente, se l'ordine naturale serve il disordine morale, allora l'uomo è solo un incubo.
_

2 commenti:

  1. Agire tecnicamente è la cosa che dici tu. A lungo andare, però, la tecnica porta all'eclissi della morale. Questa sembra nascere dal confronto con ciò che, nella natura e fuori di essa, sfugge alle leggi: col male radicale, che (forse) addirittura precede l'uomo.

    RispondiElimina
  2. ... pertanto si conferma l'incubo.

    RispondiElimina